Il mistero del bosco – L’incredibile storia del delitto di Arce

ilsegretodiemanuelaorlandiIl mistero del bosco

L’incredibile storia del delitto di Arce, 2013

Ed. Sovera

 

Hanno chiesto un mese di proroga gli uomini del Ris che stanno effettuando le comparazioni tra le impronte dattiloscopiche e le tracce di Dna rinvenuti sul corpo di Serena Mollicone e i campioni prelevati a oltre 200 persone entrate nella rosa dei sospettati per la morte l’occultamento di cadavere della diciottenne di Arce. Il capo della procura di Cassino Mario Mercone ha concesso al Ris fino al prossimo 7 gennaio, data in cui si potrà sapere se qualcuno dei prelievi avrà dato esito positivo.

“Questa proroga è un buon segno”, ha dichiarato Guglielmo Molicone, il padre di Serena,“vuol dire che gli inquirenti –a distanza di 12 anni- hanno in mano degli elementi che stanno valutando. Questo mese in più servirà sicuramente a mettere insieme altre prove a carico di chi ha ucciso e portato il corpo di Serena nel bosco di Fontecupa”.

La storia della studentessa di Arce è diventata un libro firmato da Pino Nazio che verrà presentato sabato 7 dicembre alle 20 a Roma, al Palacongressi dell’Eur, nell’ambito dellarassegna “Più libri, più liberi”. All’incontro, oltre all’autore, saranno presenti GuglielmoMollicone, l’ex-sovrintendente della Polizia che ha indagato sul caso, Giuseppe Pizzo, coordinati dal giornalista Mauro Valentini.

Serena Mollicone scomparve da Isola Liri il primo giugno del 2001. Due giorni dopo, una squadra della protezione civile trovò il corpo della studentessa in un boschetto. Aveva le mani e i piedi legati, un sacchetto di plastica le avvolgeva la testa, e una ferita vicino all’occhio provocata da un colpo violento che non poteva averla uccisa. Serena era morta dopo una lenta agonia ed era stata portata nel bosco poche ore prima del ritrovamento. La caccia all’assassino e ai suoi complici è ancora aperta.

Quello scritto da Pino Nazio”, ha commentato Guglielmo Molicone, “è il primo libro sulla storia di Serena, sulla sua personalità, sulla sua vita, sulle orribili vicissitudini che l’hanno inghiottita. Finalmente un libro che va incontro alla verità, e non favorisce depistaggi come è stato per tutti quelli pubblicati finora. Nessuno degli autori precedenti ha rappresentato veramente ciò che era Serena e ciò che ha significato per la comunità di Arce. È come se la morte di Serena avesse liberato energie, in un paese dove i giovani morivano di droga e dove imperava la corruzione. Una morte che è stata una sorta di purificazione collettiva”.

Dal sito Interno28.

All rights reserved. Copyright 2013 | Pino Nazio